Le elezioni e le scadenze

Sembra poco probabile che i nostri conti dissestati ed i 1.966 (a maggio) miliardi di euro di debito pubblico siano la prima preoccupazione della classe politica italiana attualmente intenta a rimuginare sulla miglior data per andare ad elezioni. Peraltro quel debito e gli interessi sul debito periodicamente scadono e vanno rinnovati quindi abbiamo, per chi sia interessato a questo particolare aspetto, pensato di riportare la tabella uscita sul blog del Financial Times Alphaville (tratta da dati Bloomberg): 

Come si vede in primavera, quando è previsto lo scioglimento naturale delle camere, ci attende un mese relativamente tranquillo in aprile, mentre febbraio come nel 2012 è un mese con un alto numero di aste di titoli pubblici ed aprile è nella media.

Il prossimo ottobre, periodo possibile per elezioni anticipate nel caso in cui la riforma elettorale “fantasma” si trasformasse in realtà, è uno dei mesi della seconda parte dell’anno in cui più consistente sarà il rinnovo delle scadenze, mentre novembre da questo punto di vista sarà davvero un periodo “morto” per chi al Ministero del Tesoro si occupa dei collocamenti.

Annunci
Questa voce è stata pubblicata in debito, economia, italia, obbligazioni e contrassegnata con , , , , , , , , , , , , . Contrassegna il permalink.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...