Nomen omen ?

Gli Eurobond sono da molti invocati come soluzione alla crisi del debito che attanaglia i paesi dell’Unione Europea. Ma quanto costerebbero ai paesi continentali che ancora godono di relativa salute economica e che quindi si troverebbero a sborsare di più rispetto ai paesi in difficoltà ? Agli olandesi, secondo i calcoli di Frits Bolkestein (sì proprio il Bolkestein della direttiva omonima sulla liberazione dei servizisette miliardi di euro l’anno. Una cifra che a suo parere non si potrebbe permettere un paese che deve affrontare nel prossimo quadriennio diciotto miliardi di euro di tagli.

In un’intervista al quotidiano Algemeen Dagblad l’ex-leader del partito conservatore VVD (il Partito Popolare per la Libertà e la Democrazia) oggi in pensione si dice sicuro che la zona euro si dividerà in due e peraltro, dice testualmente: “…se dovesse uscire dall’eurozona l’Italia non verserei lacrime”.  L’eventualità della divisione dell’eurozona anche tra alcuni economisti italiani (ad esempio si vedano i contributi di Loretta Napoleoni al riguardo) incontra favore, pur se con accenti totalmente diversi da quelli spocchiosi dell’uscita di Bolkstein. Tra i nomi attribuiti a questa dinamica, quello di “euro a due velocità” è quello che sembra incontrare più favore.

Quello che non sapevamo prima di questa fase della crisi è che, in alcuni paesi nordici, si sono già esercitati anche coi nomi possibili per l’eventuale futura valuta dei poveri mediterranei. Ad esempio se date un’occhiata a questo titolo del quotidiano Volkskrant scoprirete che in Olanda si parla già per la nostra moneta di Zeuro. Un gioco di parole nato da un post scritto nel 2010 dal commentatore Maarten van Schinkel che si può capire solo se si sa che il sud, per chi parla la lingua olandese, comincia con la zeta come in Zuid.

Se vi sembra un brutto nome sappiate che ha comunque fatto presa, almeno in quelle lande. Peraltro ne sono stati proposti di ancora peggiori, se possibile, di Zeuro. Martin Taylor in un articolo del Financial Times non si vergogna ad accennare ad un Sudo e ad uno Pseudo. Controllate il link prima di scrollare il capo…

Non siamo ancora al peggio. Seguendo la stessa logica con cui nell’Eurozona a due velocità per un fiammingo od un olandese noi del “Zuid” dovremmo usare lo Zeuro, quale nome piacerebbe per la moneta degli europei che abitano il ricco “Noord”? Avete indovinato, sì. Il Neuro

Allora sarete daccordo nel tirare un sospiro di sollievo se, nel sondaggio istantaneo sul futuro della moneta nei Paesi Bassi il 61% dei lettori del Volkskrant ha risposto di volersi tenere stretto l’Euro, il 20% di tornare alla moneta nazionale e solo al 19% di volere il Neuro!

Annunci
Questa voce è stata pubblicata in crisi, debito, economia, euro, europa, eurozona, italia, olanda, valuta e contrassegnata con , , , , , , , , , , , , , . Contrassegna il permalink.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...